Skip to main content

Come abbiamo spiegato nelle precedenti guide, le fondamenta di una buona SEO iniziano con l’assicurare che i motori di ricerca abbiamo l’accessibilità ad effettuare una scansione del sito per far sì che venga posizionato all’interno dei motori di ricerca.

Di seguito vi elenchiamo alcuni consigli che vi abbiamo descritto nel precedente articolo:

  • Creazione di contenuti avvincenti che rispondono alla domanda del ricercatore
  • Parola chiave ottimizzate per attirare utenti e motori di ricerca
  • Ottimizzare l’ esperienza dell’utente che include una velocità di caricamento elevata
  • Titolo, URL e descrizione per ottenere un CTR elevato nelle classifiche

Ci sono però anche altri elementi da tenere in considerazione e che sono fondamentali per ogni SEO specialist. Andiamo a vedere quali.

Ottimizzare il tag header

Un link morto (pagina 404) invia un visitatore a una pagina inesistente, senza alcun tipo di contenuto all’interno. Questo accade perché la pagina di destinazione viene ritenuta “morta” e fornisce un’esperienza scadente all’utente durante la sua navigazione. Come se non bastasse, i motori di ricerca non indicizzano la pagina, classificandola con un punteggio ranking basso.

File Sitemap e Robots.txt

Non esiste attività SEO senza una sitemap. Ma che cos’è? La sitemap non è nient altro che una mappa del sito che elenca tutti gli URL del tuo sito. Le mappe aiutano i motori di ricerca ad identificare le pagine da scansionare in modo da indicizzarle. Un file robots.txt, d’altra parte, dice ai motori di ricerca quali contenuti non indicizzare (ad esempio, pagine di norme specifiche che non vuoi che appaiano nelle ricerche). E’ u na procedura da non sottovalutare perché in questo modo Google sarà più veloce nella scansione e indicizzazione dei tuoi contenuti.

Contenuto duplicato

E’ da evitare assolutamente di duplicare i contenuti, questo perché i motori di ricerca spesso si confondono durante la scansione. Google inoltre penalizza i siti web che tendono a copiare ed incollare i contenuti presi da altre pagine web. Scrivere un contenuto da 0, con le proprie parole è sempre un valore aggiunto al sito e viene ben visto da ogni motore di ricerca. Dopotutto non sbagliava Bill Gates quando diceva nel lontano 1996;:”content is king”.

Rinominare l’immagine

Ogni immagine ha un nome identificativo seguito dalla sua estensione (.png, .jpg, .svg e così via). Il più delle volte i file vengono rinominati in automatico dagli smartphone o dalle reflex e non è mai un bene.  Che sono intendiamo?

Caricare le foto con il nome del file originale (56391.jpg) è un errore che commettono molto spesso i principianti. Ogni file va rinominato con la keyword di riferimento, in modo tale che l’utente possa trovare l’informazione anche passando da Google immagini. Ricorda che grand parte delle visualizzazioni deriva anche dalla ricerca di immagini e il motore di ricerca scansionerà la pagina con più facilità.

VUOI CONOSCERE GLI ALTRI STEP? 

Compila il form, ti invieremo il PDF con la guida completa!

Ti piacciono le nostre guide?

Leggi anche:

Guida alla SEO 2022: livello intermedio

| SEO | No Comments
Come abbiamo spiegato nelle precedenti guide, le fondamenta di una buona SEO iniziano con l'assicurare che i motori di ricerca abbiamo l'accessibilità ad effettuare una scansione del sito per far…

Restyling SEO del sito web: quando occorre farlo e perché

| SEO | No Comments
Molto spesso vediamo restyling realizzati davvero male, quando in realtà bastano dei piccoli accorgimenti. Il digital viaggia sempre a velocità sempre più sostenute nel quale ogni settimana,mese, anno vediamo sempre…

SEO: come rendere un sito conforme per Google

| SEO | No Comments
Progettare tenendo a mente l’utente L'obiettivo primario per rendere il tuo sito web conforme per Google è senza dubbio pubblicare esclusivamente dei contenuti di alta qualità su ogni singola pagina…

Keywords: come ricercarle per una SEO ottimale

| SEO | No Comments
Delle buone parole chiave sono il fattore decisivo per una campagna SEO di successo. La ricerca delle keyword risulta quindi fondamentale per far sì che il nostro sito sia quanto…

Inserimento dei tag alt

Ok, ma basta rinominare solo le immagini per posizionarsi al meglio su Google e svolgere un lavoro SEO corretto? Certo che no!

Ogni volta che carichi una foto all’interno del tuo sito web inserisci un codice HTML simile a questa stringa:

<img src=”/posizione/nome-immagine.jpg”/>

Anche se hai rinominato il file come ti abbiamo spiegato nel precedente paragrafo, l’immagine non è ancora ottimizzata per Google. Per ottimizzarla occorre aggiungere un ulteriore codice all’interno della stringa, in modo tale che lo spider capisca cosa c’è raffigurato. Questa funzione prende il nome di: attributo alt

<img src=”/indirizzo-dell-immagine.jpg” alt=”” />

alt text seo

All’interno di questo tag dovresti spiegare in poche parole cosa contiene quell’immagine e perché è rilevante. Non è necessario scrivere un’intera frase: bastano pochi caratteri, magari che includano la keyword.

Link Building

L’attività SEO per la costruzione del link building forse è una delle più impegnative. Il link building, se vuoi farlo bene, richiede creatività, pensiero strategico e pazienza.
partiamo dal presupposto che tuoi link devono superare vari criteri di qualità e che per farlo occorre senza dubbio molto tempo.
Vi elenchiamo alcune strategia per farlo:

Collegamenti editoriali e organici: questi backlink provengono da siti Web che fanno riferimento ai tuoi contenuti e provengono da siti che hanno citato spontaneamente il tuo.

Sensibilizzazione: in questa strategia accade esattamente il contrario, sei tu a contattare gli altri siti web e cercare un accordo.
Può accadere in molti modi, ad esempio potresti creare un contenuto straordinario e inviargli un’e-mail per parlargliene e se lo trovano utile lo possono pubblicare, utilizzando il tuo link.
.

Pubblicazione degli ospiti: i post degli ospiti sono articoli del blog che pubblichi su siti Web di terze parti. A loro volta, queste aziende spesso consentono di includere uno o due collegamenti al tuo sito nel contenuto e nella biografia dell’autore.

Collegamenti del profilo: infine, molti siti Web offrono l’opportunità di creare un collegamento, i profili online sono un buon esempio. Molto spesso, quando imposti un profilo del genere, puoi anche elencare il tuo sito web anche lì. Non tutti questi collegamenti hanno una forte autorità, ma alcuni potrebbero. E data la facilità per crearli, vale la pena perseguirli.

Analisi della concorrenza: infine, molti SEO analizzano regolarmente i backlink dei loro competitor per identificare quelli che potrebbero ricreare anche per i loro siti.

Contenuti SEO creati ad hoc

Assicurati che Google comprenda quali parole chiave desideri che questa pagina venga classificata. Per raggiungere questo obiettivo, cerca di includere almeno la parola chiave principale tra le seguenti:

Titolo del post: idealmente, posizionalo il più vicino all’inizio del titolo. Google è noto per dare più valore alle parole all’inizio del titolo.

URL: l’indirizzo web della tua pagina dovrebbe includere anche la parola chiave. Idealmente, compreso nient’altro. Inoltre, rimuovere qualsiasi parola di arresto.

Tag H1: nella maggior parte dei sistemi di gestione dei contenuti, questo tag mostra il titolo della pagina per impostazione predefinita. Tuttavia, assicurati che la tua piattaforma non utilizzi un’impostazione diversa del contenuto.

Tag di meta-titolo e meta-descrizione: i motori di ricerca utilizzano questi due elementi di codice per visualizzare i propri elenchi. Visualizzano il meta-titolo come titolo dell’elenco di ricerca mentre la meta-descrizione fornisce contenuto per il piccolo blurb sottostante. Ma soprattutto, usano entrambi per comprendere l’argomento della pagina

Infine cerca sempre di inserire la parola chiave all’interno delle prime 100 parole dell’articolo. In questo modo rassicurerai Google che questo è, in effetti, l’argomento della pagina.

Consigli per evitare la black hat SEO

L’ultimo aspetto della SEO che vogliamo metterti in evidenza è qualcosa che spero anche tu non sarai mai tentato di usare.

L’utilizzo sconsiderato della black hat SEO in genere finisce con una penalità dagli elenchi di ricerca. Le pratiche del cappello nero mirano a manipolare gli algoritmi dei motori di ricerca utilizzando strategie contro le linee guida dei motori di ricerca. Le tecniche black hat più comuni includono il riempimento delle parole chiave, il cloaking (nascondere le parole chiave nel codice in modo che gli utenti non le vedano, ma i motori di ricerca lo fanno) e l’acquisto di link.

black hat seo

 

Quindi, perché qualcuno dovrebbe usare black hat SEO? Perché per il posizionamento di un sito, seguendo le linee guida di Google, richiede parecchio tempo (quasi sempre oltre i 6 mesi). Le strategie black hat, ad esempio, ti consentono di ridurre la complessità della creazione di link. Il riempimento delle parole chiave aiuta gli utenti a classificare una pagina per molte parole chiave, senza dover creare più contenuti. Ma come detto, essere scoperti spesso porta un sito a essere completamente cancellato dagli elenchi di ricerca.

E il motivo per cui lo menziono qui è che voglio che tu ti renda conto che non ci sono scorciatoie all’interno della SEO. E fai attenzione a chiunque suggerisca strategie che potrebbero sembrare troppo belle per essere vere.

Forse ti interessa anche questo articolo riguardante la SEO:  Google: come posizionarsi in cima nella SERP